Roberto Gualtieri

Archivio mensile: febbraio 2011

Sostegno all’istituzione di un fondo permanente salva-stati, ma no ad un meccanismo puramente intergovernativo

E’ il concetto più importante di quanto ho affermato in qualità di relatore per la riforma del Trattato di Lisbona connessa all’istituzione del fondo salva-stati, intervenendo in Aula a Strasburgo nel corso di un’audizione con Barroso.

Il consenso del Parlamento alla proposta di riforma del Trattato dipenderà dalla disponibilità del Consiglio Europeo a garantire che il nuovo meccanismo rispetti il ruolo delle istituzioni europee e in primo luogo della Commissione. E’ positivo dunque che la Commissione nel suo parere abbia stabilito che il meccansimo dovrà appoggiarsi sulla governance economica condotta dall’Unione e che prenderà tutte le iniziative per garantire la coerenza tra questa e il meccanismo di stabilità; ma proprio per questo tali aspetti devono essere chiariti subito, per evitare il rischio che questo nuovo treno della governance economica sia messo sul binario morto di una deriva intergovernativa che ne vanificherebbe gli obiettivi.

Mi sembra insomma che il momento in cui definire chiaramente come il meccanismo opererà sia questo. E’ bene dunque aprire al più presto una discussione concreta, perché il tempo scorre implacabile.