Roberto Gualtieri

Archivio Tag: Merkel

Coraggio e responsabilità

“Mut und Verantwortung”. Con comprensibile soddisfazione, l’Spd saluta come un successo la conclusione del negoziato che ha portato, in una conferenza stampa comune tenuta da Angela Merkel, Frank-Walter Steinmeier e del leader della Csu Seehofer, all’annuncio del Konjungtrurpaket II, e sottolinea come esso accolga gran parte delle proposte avanzate dal partito. Naturalmente, il pacchetto di 50 miliardi di euro è frutto di un compromesso e prevede, insieme a 36 miliardi di investimenti pubblici (destinati al risanamento degli edifici scolastici, al miglioramento delle strade ed allo sviluppo della banda larga), a 9 miliardi per la riduzione dei contributi sanitari, a 2.500 euro per la rottamazione delle auto (costo 1,5 miliardi), all’istituzione di un salario minimo per i lavoratori precari, alla creazione di un “Fondo Germania” fino a 100 miliardi di euro per assicurare il credito alle imprese in difficoltà, anche 9 miliardi di euro per una riduzione dal 15 al 14% dell’aliquota minima sui redditi ed un innalzamento della no tax area, come chiesto dalla Csu (mentre manca l’aumento dell’aliquota per i redditi più alti). Ma l’impronta dell’Spd in quello che Angela Merkel ha definito “il più grande intervento economico nella storia della Repubblica federale tedesca”, e che sintetizza la migliore tradizione dell’economia sociale di mercato e della socialdemocrazia, è evidente. E niente più degli acidi commenti degli “economisti” riportati dal Financial Times conferma che la grande coalizione di Berlino è il migliore governo d’Europa.

Alla faccia del Financial Times

Alla faccia dei gufi, dei falsi amici e della retorica sull'”Europa dei cittadini” (esemplare a riguardo il Financial Times di oggi, con un editoriale in cui si afferma che il Consiglio europeo di oggi dovrebbe rinunciare a un nuovo trattato e evitare di “try to gang up and bully Ireland into voting again”, seguito da un articolo di Charles Wyplosz che lamenta l’assenza di democrazia dell’Ue, salvo poi notare che un auspicato approdo di tipo federale fondato sul voto diretto dei cittadini per i vertici dell’Ue “would divide nations and people within each nation”), il Regno Unito ha ratificato il trattato di Lisbona e la Merkel ha detto ieri in Parlamento che occorre “dare a Dublino la possibilità di rientrare in gioco”, respingendo sia l’ipotesi di un’Europa a due velocità che quella di un abbandono del trattato. Come era prevedibile l’Europa dei parlamenti nazionali e dei governi è più saggia di quella dei giornali, ed il Consiglio europeo di oggi pomeriggio dovrebbe confermarlo.

L’Europa della Merkel dopo il referendum

Superamento dello “strongly Anglo-Saxon dominated system” a partire dalla creazione di un’agenzia europea di rating, per consolidare la relativa indipendenza che l’Europa ha conquistato grazie all’Euro, e che deve tradursi in una adeguata capacità di influenza sulle regole che governano i mercati finanziari e in un più generale ripensamento del rapporto tra capitale e rischio; costruzione di una “Bildungsrepublik” (repubblica della formazione). Bisogna dire che avviando con un impegnativo discorso e con un’intervista al Financial Times i festeggiamenti del sessantesimo anniversario dell'”economia sociale di mercato” (ossia della riforma monetaria di Ludwig Ehrard che ne segnò l’avvio), Angela Merkel non si è certo limitata a una celebrazione di maniera, ma ha posto esplicitamente e in modo nuovo il problema delle condizioni di una diffusione della “Soziale Marktwirtschaft” in Europa e nel mondo. Il che se non altro ci consentirà di affrontare la crisi del trattato di Lisbona innescata dall’infausto esito del referendum irlandese su basì politiche e culturali un po’ più solide di quelle su cui si è fondato il discorso pubblico europeo negli ultimi anni.